Category: Politica


Assassini di democrazie

Annunci

PIAZZA PULITA, ma sul serio

La faccia come il culo

Tagli ai vitalizi, sei parlamentari fanno ricorso: “I nostri diritti non si toccano” – Foto e nomi

L’origine del debito pubblico italiano? Brunetta, Tremonti e Sacconi consulenti di Craxi

Qualcuno sa dirmi dove stiamo andando?

Un metodo buono con tutti

Berlusconi avrebbe a suo tempo allungato qualche bustarella ai talebani in cambio di un occhio di riguardo nei confronti dei militari italiani in missione di guerra laggiù. È quanto emerge da un cablogramma USA classificato come “CONFIDENTIAL”, pubblicato da Wikileaks e ripreso dall’Espresso in questo articolo di ieri che vi consiglio di leggere.

Effettivamente la critica mossa nel 2008 da Bush sembra avere qualche fondamento, che dire… noi italiani, nel bene e nel male, sappiamo sempre distinguerci dagli altri.

Un po’ di dietrologia

Negli ultimi giorni si è parlato molto delle agenzie di rating e del declassamento, da parte di Standard & Poor’s, degli Stati Uniti da AAA ad AA+. Inutile dire che questa cosa ha fatto incazzare non poco i tanto orgogliosi statunitensi. Purtroppo per loro però avere un debito pubblico alle soglie del default in questi casi non aiuta a mantenere alto il rating. Fortunatamente hanno trovato in tempo una soluzione al tracollo finanziario causato, negli ultimi anni, da una troppa zelante esportazione di democrazia in Paesi evidentemente bisognosi di questo bene sempre più raro. Hanno fatto alzare la soglia, decisa a livello internazionale, oltre la quale una nazione è costretta a dichiarare il default. Una soluzione da veri duri, ecco perché la Grecia non ha fatto la stessa cosa. Sparare in bocca a chiunque ti sbarri la strada è una tattica molto più convincente che ballargli il sirtaki davanti agli occhi, su questo non c’è dubbio.

Per capire un po’ cosa c’è dietro a queste agenzie dai nomi altisonanti consiglio di leggervi questo articolo a firma di Mario Meggiolaro del Fatto Quotidiano, spiega molto bene il loro funzionamento e dà una prova della loro attendibilità.

Questa è l’Italia

Schifosa gerontocrazia

«Daniela, qui parliamo di problemi veramente seri di un Paese che deve essere riformato. Se io fossi al suo posto non dormirei di notte. Ma non per le troie. Non dormirei per la situazione che c’è in Italia».

Non so voi, ma a me pensare che, in tutto l’entourage che frequenta, quello con più buon senso si riveli Briatore spaventa un po’.

Testo originale tratto da Il nuovo mondo di Galatea.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: